Cosa facciamo

PROGETTI ATTIVATI

 


PROGETTO INFANZIA

Questo ambizioso progetto, vuole coinvolgere i bambini del quartiere che verranno accolti in questo nuovo spazio antistante il centro medico, lì avranno la possibilità di giocare ed essere seguiti. Abbiamo inviato molti giochi didattici che stimoleranno la creatività e l’apprendimento dei bambini.


 

CAMPAGNA VACCINAZIONI

Lorenzo ChiAma il Congo, in collaborazione con la scuola vicina alla struttura sanitaria, ha avviato una campagna vaccinazioni rivolta ai bambini: il servizio messo a disposizione dei più piccoli è uno strumento importantissimo per prevenire malattie pericolose e salvare la vita di molti bambini.

DSCF0379DSCF1294Listener[3]prova1

 


BANCA DEL SANGUE

Abbiamo realizzato una BANCA DEL SANGUE al fine di combattere l’HIV e quindi l’AIDS, una piaga purtroppo ancora molto diffusa, che non risparmia nemmeno i bambini. La dottoressa Mesi e tutto il personale sanitario del nostro dispensario medico hanno  seguito un corso di specializzazione per fronteggiare questo problema. Abbiamo acquistato dei frigoriferi e una centrifuga.

DSCF3006 DSCF3017 DSCF3026


ALLACCIO DELL‘ACQUA AL DISPENSARIO

Lorenzo ChiAma il Congo, ha finanziato l’allaccio dell’acqua diretta al dispensario medico. Potrebbe sembrare una cosa banale ma non lo è. A Kinshasa non è un servizio che tutti hanno. L’allaccio dell’acqua alla rete idrica è molto costoso. Grazie ai fondi raccolti abbiamo potuto realizzare questo progetto.

DSCF5095 DSCF5090 DSCF5059 DSCF5087 DSCF5055 DSCF5071 DSCF5054 DSCF5051


 

FUNZIONAMENTO DEL DISPENSARIO MEDICO

Lorenzo ChiAma il Congo sostiene il dispensario medico attraverso:

  • l’approvvigionamento di medicinali
  • la retribuzione del personale sanitario composto da 2 medici, 3 infermieri, 1 analista, 2 portantini.

057DSCF0350DSCF2632DSCF2633  DSCF7573pressioneDSCF2491DSCF7576DSCF7520DSCF9518DSCF2195046DSCF2466053

 


COSTRUZIONE DEL DISPENSARIO MEDICO

Nel 2010, grazie al terreno ricevuto gratuitamente, Lorenzo ChiAma il Congo ha realizzato la costruzione di un DISPENSARIO MEDICO nel “Centre Social Simba Ngai” nel quartiere Mbeseke a KINSHASA. Nello stesso comprensorio è già presente una scuola: questo permette alla popolazione di avere un punto di riferimento sia per l’istruzione che per la sanità. Il dispensario medico è una struttura situata al piano terra che comprende una sala visite e delle stanze per la degenza dei pazienti. Lorenzo ChiAma il Congo ha dotato la struttura dell’attrezzatura necessaria per effettuare visite mediche, ecografie e ospitare pazienti.

pietra3 cantiere1DSCF5346

Deposizione della prima pietra e lavori per la costruzione del dispensario medico

 

DSC02634foto-sito-inaugurazione
Cerimonia di inaugurazione, 16 marzo 2011

PROGETTO AGROPASTORALE

Nel triennio 2006/2009 abbiamo sostenuto l’associazione congolese “JUKA ASDL” che opera direttamente sul territorio di Kinshasa, capitale del Congo, con lo scopo di migliorare le condizioni di vita della popolazione del Congo e, proprio a partire dal 2006, sono state addestrate oltre 50 persone. L’Associazione ha acquisito in concessione un appezzamento di terreno di 50 ettari nell’area di Mpongwene (115 km. Da Kinshasa) per la formazione agropastorale e ha allestito un laboratorio multifunzionale per la formazione del personale a Bibwa nei pressi della capitale. Lorenzo ChiAma il Congo per tale progetto ha devoluto circa ventimila euro in tre anni, fondi raccolti allestendo mercatini, organizzando cene e pranzi di beneficenza e grazie alle donazioni della Banca Toscana e dalla pro-loco di Fiano Romano.

terra3





 

Progetti futuri

AMPLIAMENTO DEL DISPENSARIO MEDICO

Il progetto prevede l’ampliamento del dispensario medico con la costruzione del secondo piano: tale ampliamento servirà ad ospitare i medici provenienti da altre città o paesi che vorranno prestare attività periodica di volontariato. La struttura potrà inoltre essere un punto di prima accoglienza per situazioni di emergenza che riguardano soprattutto bambini di strada, donne in difficoltà e donne con bambini senza alloggio.

 

Top